Ballottaggio, come si vota

Con i supplementari del ballottaggio Arezzo torna ad esprimere il voto per la carica di sindaco. I due nomi in lizza per la fascia tricolore di primo cittadino sono quello di Luciano Ralli per il centrosinistra, sostenuto dalle liste Pd, Ralli sindaco, Arezzo Ci sta, Curiamo Arezzo e Arezzo 2020 e quello di Alessandro Ghinelli per la coalizione del centro destra composta da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, OraGhienlli20-25 e Civitas Etruria. Domenica 4 ottobre i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23, mentre lunedì 5 ottobre dalle 7 alle 15. Può votare al ballottaggio anche chi non è andato alle urne due settimane fa. Esclusi invece i ragazzi che in questi 14 giorni abbiano compiuto 18 anni. E’ necessario portare la tessera elettorale e un documento di identità valido ed igienizzarsi prima e dopo aver inserito la scheda nelle urne. Per chi negli scorsi giorni ha fatto richiesta, in quanto costretto all’isolamento domicilaire, c’è anche la possibilità del voto a domicilio, nelle stesse fasce orarie dell’apertura dei seggi.

La scheda per il ballottaggio contiene il nome ed il cognome dei due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti al primo turno. Il voto si esprime tracciando un segno sul nome dei due candidati, contenuti all’interno di un rettangolo dove sono inseriti i simboli delle liste che sostengono quella candidatura. Al ballottaggio non si votano i consiglieri comunali (già scelti al primo turno), ma solo il candidato sindaco.
Lo spoglio è previsto subito dopo la chiusura delle urne, dunque dopo le 15 e si ipotizza che già nel tardo pomeriggio si conoscerà il nome del primo cittadino di Arezzo

Condividi l’articolo

Vedi anche: