Arrestati mentre evadevano i domiciliari. Fermati dai Carabinieri durante i controlli Covid-19  

Nella giornata di ieri i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Arezzo, nell’ambito dei servizi di controllo finalizzati al rispetto delle misure per fronteggiare il coronavirus Covid-19 nel centro città, hanno proceduto all’arresto nella flagranza del reato di evasione di due persone.

Il primo arresto è stato effettuato nel corso della notte, quando i carabinieri, transitando in via Vittorio Veneto, hanno notato una donna che alla vista dei militari cercava di nascondersi dietro alcune autovetture. Il controllo a carico della stessa, classe 1973, consentiva di appurare, oltre la presenza di numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, che la donna era sottoposta agli arresti domiciliari per il reato di furto aggravato. La donna è stata quindi arrestata e, su disposizione dell’A.G., ricondotta alla propria abitazione, oltre ad essere sanzionata per essere uscita di casa senza una motivazione valida.

Il secondo arresto è stato effettuato nel pomeriggio. In questa occasione i carabinieri, transitando presso un negozio di alimentari in zona Pescaiola, tra le persone in fila in attesa di entrare hanno notato un uomo che sembrava particolarmente agitato. Immediatamente sottoposto al controllo il cinquantenne oltre ad avere numerosi precedenti penali, è risultato sottoposto al regime della detenzione domiciliare per il reato di furto aggravato. Per questo motivo l’uomo è stato arrestato e, anche in questo caso, ricondotto alla propria abitazione.

Condividi l’articolo

Vedi anche: