Arezzo Youth music festival al via

I migliori giovani musicisti del panorama internazionale si incontrano ad Arezzo e danno vita ad un cartellone ideato per i loro coetanei: prende il via il prossimo 24 ottobre l’Arezzo Youth Music Festival, un progetto musicale innovativo che vuole attrarre i ragazzi alla bellezza della musica classica. Protagonisti della rassegna alcuni virtuosi “under30” che arrivano nella città toscana su invito del violinista Giovanni Andrea Zanon (classe 1998 e curriculum impressionante) a cui è affidata la direzione artistica del festival.

 

Ad aprire l’Arezzo Youth Music Festival, sarà il duo composto dallo stesso Giovanni Andrea Zanon (violino) e Federico Colli (pianoforte) che il 24 ottobre alle ore 21 salirà sul palcoscenico del Teatro Petrarca per eseguire un programma che prevede la Sonatina per violino e pianoforte N°1, Op. 137 di Franz Schubert, la Sonata per violino e pianoforte “La Primavera” N°5, Op. 24 di Ludwig van Beethoven e Sonata per violino e pianoforte N°3, Op. 108 di Johannes Brahms.

 

Il festival prosegue poi il 31 ottobre quando sarà la volta di un trio con Giovanni Andrea Zanon (violino), Pablo Ferrández (violoncello) e Filippo Gorini (pianoforte) che eseguiranno il Trio “degli spettri” N°5, Op. 70 di Ludwig van Beethoven e il Trio N°1, Op. 8 di Johannes Brahms.

 

Il 7 novembre Giovanni Andrea Zanon (violino), Sara Ferrández (viola), Erica Piccotti (violoncello), Uxía Martínez Botana (contrabbasso) e Daniel Ciobanu (pianoforte), con la partecipazione straordinaria del baritono Mario Cassi, proporanno un programma dedicato a Franz Schubert che prevede il Trio per archi N°1, D. 471, alcuni Lieder e il Quintetto “La Trota” Op. 114, D. 667.

 

Il 13 novembre invece sarà l’Orchestra giovanile di Arezzo diretta da Roberto Pasquini con solista Giovanni Andrea Zanon (violino) a chiudere la rassegna con un programma che, oltre all’overture “Coriolano” Op. 62 e il concerto per violino e orchestra Op. 61 di Ludwig van Beethoven, propone brani originali composti per la rassegna.

 

Ma i musicisti dell’Arezzo Youth Music Festival non saranno protagonisti solo sul palcoscenico del Teatro Petrarca: nella volontà di coinvolgere realmente i loro coetanei, gli artisti, armati dei loro strumenti, saranno infatti interpreti di un vero e proprio “tour” che li porterà ad incontrare alcune classi delle scuole aretine, dove testimonieranno “con i fatti” che la musica classica è “giovane” ed è tutt’altro che noiosa.

 

Grazie alla collaborazione tra Comune di Arezzo, Fondazione Guido d’Arezzo, Istituto Comprensivo Cesalpino, Liceo Classico Musicale “Petrarca” e Liceo Coreutico di Arezzo, nel pieno rispetto di tutti i protocolli di sicurezza legati al Covid, nelle mattine precedenti gli spettacoli è stato infatti possibile organizzare un calendario di approfondimenti dedicati ai concerti in programma offrendo agli studenti un’importante occasione di confronto e crescita culturale.

 

L’Arezzo Youth Music Festival è realizzato dalla Fondazione Guido d’Arezzo, dal Comune di Arezzo in collaborazione con Marjorie Layden, Presidente della World Ethic and Leadership Foundation (WEL Foundation).

 

 

Biglietti e abbonamenti

Biglietto intero: 10 euro – Abbonamento intero (4 concerti): 30 euro

Biglietto ridotto under 25: 2 euro – Abbonamento ridotto under 25 (4 concerti): 6 euro

Biglietto patron (ovvero appassionati che vogliono sostenere il festival): 30 euro – Abbonamento patron: 90 euro

 

Prevendita: Circuito BoxofficeToscana/Ticketone

Prevendita online: Ticketone

 

Nel giorno dello spettacolo dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 21, sarà aperta la biglietteria del Teatro Petrarca (Via Guido Monaco, 12 – Arezzo)

Info tel. 0575 1739608 – info@fondazioneguidodarezzo.com

 

Condividi l’articolo