Arezzo, Fabbro in sede. Incognita ritiro

Riccardo Fabbro già dalle prime ore di martedi sarà in sede per prendere visione della sua nuova situazione professionale. Per la MagEnergy inizia un percorso nuovo che porterà la società romana impegnata nel settore dell’energia e titolare del 94 per cento delle quote della società sportiva Arezzo, ad affrontare una situazione del tutto nuova. C’è da ricostruire quel filo diretto che negli ultimi tempi aveva raffreddato il rapporto tra tifosi e società. Mercoledi poi dopo l’assemblea sociale della ratifica ci sarà la presentazione con il presidente Pino Monaco, il patron Fabio Gentile (nella foto) e lo stesso Fabbro. Il primo nodo da sciogliere sarà quello del ritiro. Il protocollo anti covid deve essere letto con attenzione. I costi che La Cava non si è assunto nel maggio scorso, rinunciando ai play off, restano inalterati. Inoltre ci sono dei parametri da rispettare. Prevedere un ritorno alla preparazione senza la diretta partecipazione dei tifosi sarà dura e impone alle società degli sforzi supplementari. Per Fabbro poi ci sarà l’esame della rosa. Sono 21 i giocatori sotto contratto. Non è da escludere che a qualcuno venga proposta la rescissione. Per quanto riguarda il nome del nuovo allenatore sarà necessario ancora 7-10 giorni. Intanto la preparazione verrà gestita dalla parte dello staff che non ha accettato la decurtazione. Visto che sono sotto contratto fino al 30 agosto, spetterà a loro gestire la fase iniziale della nuova annata.

Condividi l’articolo