Arezzo, cittadinanza onoraria a Liliana Segre

Nel secondo consiglio dibattuto online nella storia del Comune di Arezzo, nonostante l’acceso dibattito, un punto è stato votato all’unanimità.
L’adesione dell’ente comunale aretino al comitato promotore dell’evento pubblico con protagonista Liliana Segre e nel conferirle la cittadinanza onoraria. Specifiche richieste in tal senso erano pervenute al presidente Alessio Mattesini, Jacopo Apa per Forza Italia, Luciano Ralli per il Partito Democratico, Giovanni Bonacci per Ora Ghinelli, Egiziano Andreani per la Lega, Giovanna Carlettini per Fratelli d’Italia, Paolo Bertini per il gruppo misto, Massimo Ricci per il Movimento 5 Stelle, Francesco Romizi per Arezzo in Comune.
Il costante impegno verso la sensibilizzazione e la diffusione della memoria della Shoah e dei campi di concentramento avrebbe dovuto portare la Segre ad Arezzo, il prossimo giugno; in un grande evento aperto ai giovani, l’ultimo della sua vita come aveva deciso la senatrice. Franco Vaccari presidente di Rondine Cittadella della Pace che è partner della manifestazione, ha annunciato negli scorsi giorni che la manifestazione è rinviata al prossimo autunno.

Condividi l’articolo