Aisa Impianti “fuori dall’emergenza per i prossimi venti anni”

La regione Toscana ha approvato il progetto di riposizionamento dell’impianto di termovalorizzazione di San Zeno che decreta la fine dell’epoca del mero incenerimento dei rifiuti mettendo avanti tutto quello che è recupero di materia, riciclaggio e recupero di energia per i rifiuti autoctoni ovvero i rifiuti prodotti dalla provincia di Arezzo, con una riposta che terrà fuori il territorio dall’emergenza per i prossimi 20 anni. Si tratta di un investimento sul territorio per di 37 milioni di euro che non impatteranno sulle tariffe e creeranno 40 posti di lavoro qualificati. “Si parte subito con l’adeguamento di tutto il reparto di compostaggio e biodigestione che genererà immediatamente il margine operativo necessario per pagare l’investimento – spiega il presidente di Aisa Impianti Giacomo Cherici – per fare un esempio 100mila pieni di gas metano bio per automobili potranno essere ricavati in questo modo dalla lavorazione della raccolta differenziata dell’umido prodotto dai cittadini della provincia di Arezzo”.

Condividi l’articolo

Vedi anche: