Acli, sportelli chiusi e utilizzo della tecnologia. Servizi Cisl, ecco cosa cambia. I nuovi orari Tiemme da lunedì

Arezzo- Dai servizi della Cisl a quelli delle Acli, i nuovi orari di Tiemme ecco cosa cambia:

 

Cisl

Anche la voce della CISL si unisce a quelle che raccomandano ed esortano ad un comportamento responsabile ad osservare le disposizioni del Dpcm dell’11 marzo.

In particolare Toscana Servizi ed il Patronato INAS hanno riorganizzato i servizi utilizzando la tecnologia per garantire la lavorazione delle pratiche, sia nel la piena sicurezza e sia nel rispetto della salute di dipendenti e utenti.

Pertanto, Toscana servizi assicura un PRESIDIO MINIMO con chiusura al pubblico le sedi di Arezzo, Viale Michelangelo, 102 –  tel.0575.28658 e Bibbiena stazione, Piazza Stazione, 3 – tel.0575 .593812. Toscana Servizi CISL tiene attivi i servizi di Colf e badanti, ISEE (via mail), Successioni (solo completamento pratiche raccolte). Mail dedicata: raccolta.arezzo@cafcisl.it.

Altresì, rimane attivo il Centralino con orario 08,30 – 12,30  e 15,00 – 18,30.; Amministrazione, Paghe e Contabilità. Gli appuntamenti ISSE, RED e INCIV saranno spostati dal 6 aprile in poi, rinviata l’avvio della Campagna Fiscale 2020. Per pratiche urgenti usare anche il numero  800 800 730. Rimarranno aperte le sedi Patronato INAS di Arezzo, Castiglion Fiorentino e Sansepolcro con il solito orario 09,00/12,00 e 15,30/18,00 . L’accesso agli sportelli è consentito tramite appuntamento ottenibile tramite il n. 800 249309 . Sono prioritarie le pratiche in scadenza Naspi, Disoccupazione agricola, Congedi, Invalidità ecc.ecc..

Nelle Sedi aperte sono garantite le misure di sicurezza previste dal DPCM.

 

Acli

L’emergenza legata al Coronavirus non ha interrotto le attività delle Acli di Arezzo. La situazione sanitaria ha comportato la chiusura degli sportelli al pubblico, ma Caf e Patronato hanno riorganizzato i rispettivi servizi per continuare a rispondere alle esigenze dei cittadini e per adeguarsi alle misure previste dai decreti, predisponendo l’utilizzo della tecnologia per garantire la piena sicurezza e il rispetto della salute di dipendenti e utenti.

L’impegno del Caf Acli è stato orientato soprattutto verso le pratiche urgenti e non prorogabili che il personale continuerà ad adempiere con l’invio telematico della documentazione e con un dialogo con l’utenza attraverso telefoni, mail o skype. In questa categoria di servizi rientrano le dichiarazioni Isee, le comunicazioni all’Agenzia dell’Entrate, il Bonus Luce e Gas, il modello Red per i pensionati o il modello Inv-Civ per invalidi civili. Per quanto riguarda le pratiche con scadenza non immediata quali la dichiarazione dei redditi o la Imu, invece, la segreteria del Caf Acli potrà essere contattata per ottenere tutte le informazioni sui documenti da presentare e per fissare un futuro appuntamento. Nel frattempo, comunque, lavoratori e pensionati potranno utilizzare la piattaforma di assistenza telematica il730.online da cui è possibile fotografare la documentazione necessaria anche da uno smartphone e spedirla all’operatore che poi elaborerà il modello. Per contattare il Caf Acli è possibile chiamare lo 0575/21.700, inviare una mail a caf@acliarezzo.com o scrivere su whatsapp allo 0575/18.22.800.

Un servizio di consulenza e di informazione è assicurato con continuità anche dal Patronato Acli che resterà a disposizione per svolgere telematicamente le diverse pratiche legate alla previdenza e al mondo del lavoro. Gli operatori saranno a disposizione per rispondere a tutte le richieste collegate a questa particolare situazione sanitaria che ha comportato la sospensione di molte attività e, allo stesso tempo, per adempiere a servizi quali le domande di invalidità, le domande di pensione, le domanda di congedo o i permessi previsti dalla legge 104, le domande di maternità e le domande di disoccupazione. I numeri telefonici dei quattro uffici del Patronato Acli presenti in provincia sono 0575/21.700 per la città di Arezzo, 055/91.21.686 per San Giovanni Valdarno, 0575/73.46.45 per Sansepolcro e 0575/52.00.36 per Poppi. «La priorità – spiega Stefano Mannelli, presidente delle Acli di Arezzo, – era di continuare a garantire prossimità e servizi nel rispetto delle norme per la prevenzione della diffusione del Covid-19. In questo momento, il nostro invito è a riscoprire il senso civico inteso come attenzione al bene proprio e degli altri, a rispettare i comportamenti conformi alle norme, a dimostrare attenzione verso gli anziani e le situazioni di bisogno, e a recuperare il senso della preghiera e della meditazione individuale».

Tiemme

Da lunedì 16 marzo, e fino al 25 marzo 2020, i servizi di trasporto pubblico gestiti da Tiemme seguiranno alcune modifiche di seguito indicate.

 Area Arezzo

Il servizio urbano di Arezzo dal 16 al 25 marzo seguirà l’orario festivo. Sul sito www.tiemmespa.it per consultare le corse in programmazione per i suddetti servizi in un determinato giorno è necessario impostare una data festiva nel sistema di ricerca orari online, così da ottenere l’elenco delle corse effettivamente disponibili.

I servizi extraurbani, compresa la linea Siena-Arezzo, continueranno a seguire l’orario non scolastico fino al 3 aprile 2020.

DiDi

 

Condividi l’articolo

Vedi anche: