Il Ct Giotto monopolizza il campionato provinciale Tpra

Il primo campionato provinciale Tpra di tennis ha registrato un autentico monologo del Ct Giotto. Il torneo deve il proprio nome al circuito internazionale Tennis Program Ranking Amateur che la federazione italiana ha deciso di proporre nelle singole provincie, anche in quella d’Arezzo, come occasione d’incontro e di confronto per i tennisti amatoriali. Questo nuovo campionato ha preso ufficialmente il via con la tappa inaugurale ospitata dai campi cittadini del Giotto e ha visto trionfare il padrone di casa Alberto Donati dopo una bella cavalcata durata ben due weekend in cui ha avuto la meglio su trenta tennisti di tutti i circoli locali. La giornata conclusiva è iniziata con le due semifinali che hanno registrato un inedito doppio derby in cui due soci del Giotto si sono trovati a sfidare due soci dello Junior Arezzo: Donati era infatti opposto a Moreno Roselli, mentre Roberto Tiezzi a Paolo Scarpato. In entrambi i casi ad esultare è stato il Giotto perché il primo incontro non è stato disputato a causa di un infortunio occorso in settimana a Roselli, mentre nel secondo Tiezzi si è imposto per 6-4, configurando così in finale un derbyssimo interno al circolo di via Viani. Ad esultare è stato infine Donati che, conoscendo il gioco dell’avversario, ha impostato una partita aggressiva che gli ha permesso di vincere per 6-1 e di aggiudicarsi il successo della tappa e il primato nella classifica del campionato. «Questa prima tappa del torneo – spiega Donati, – ha registrato un’ottima organizzazione da parte del Giotto, una discreta partecipazione di tennisti e un buon livello soprattutto nelle fasi finali, dunque possiamo tracciare un bilancio particolarmente positivo». Il campionato provinciale Tpra proseguirà ora il 14 e il 15 novembre allo Junior e dal 5 all’8 dicembre al Tc Castiglionese; al termine di tutti i giochi, i migliori tennisti si incontreranno in un master il cui vincitore avrà accesso alle finali nazionali di Roma. Donati e Tiezzi, dunque, sono ora attesi dalla sfida di confermarsi per arrivare a giocarsi il titolo italiano nella capitale.

Condividi l’articolo