Auto, iniziato il count down per il Rally del Casentino

Casentinese purosangue, Roberto Cresci è un affermato imprenditore, con il pallino dei rally. Ed è il pilota locale più veloce di sempre nel rally di casa, quel rally Internazionale del Casentino, al quale non manca al via da ben ventuno anni. Rally del Casentino che quest’anno, va in scena il 7 e 8 luglio prossimi. E c’è già grande fermento. “E’ un legame forte dovuto alla mia passione per il rally, – esordisce Cresci – all’amore per le mie zone e all’affetto per la scuderia Etruria di Bibbiena, il team per il quale corro da sempre”. E che da sempre organizza il rally con cuore a Bibbiena, forte richiamo per grandi campioni che hanno vinto da queste parti (ricordiamo tra questi Robert Kubica, il compianto Pucci Grossi, Franco Cunico), per fuoriclasse di razza e per piloti “normali”, provenienti un po’ da tutta Europa. Roberto Cresci si è sempre distinto, al rally del Casentino. Nel suo palmares vanta anche una vittoria assoluta, al “Casentino” 2007, dove arrivò davanti a tutti con la Peugeot 206 WRC Racing Lions. Poi vari podi nelle altre edizioni, ed il record di ben sette vittorie consecutive in Gruppo N con la Mitsubishi Lancer, preparata da Mauro Nocentini, altro aretino diventato famoso nei rally. “Grandi soddisfazioni, ma anche delusioni cocenti nel rally di casa, quando non è arrivato il risultato atteso. Momenti belli e brutti condivisi sempre con Fabio Ciabatti, mio navigatore e amico da una vita, con il quale c’è totale sintonia”. Anche quest’anno il 44enne Cresci sarà ovviamente al via del 37° rally del Casentino, con la Ford Fiesta WRC 1.6 del team PA Racing. “Non nascondo che nutro grandi ambizioni per il rally di casa di quest’anno. Siamo ben preparati, la vettura e il team di Alex Perico sono il massimo, abbiamo fatto importanti cambiamenti nella redazione delle note. Basta che ci abbandoni quel pizzico di sfortuna che ultimamente pare inseguirci …”. Nessuno meglio di Cresci può anticipare quali saranno i momenti chiave del rally del Casentino 2017. “Beh, se noi piloti riusciamo a non fare stupidaggini, soprattutto nella affascinante prova spettacolo cittadina in notturna a Bibbiena, venerdì 7 luglio, dove la presenza di tanto pubblico “gasa” inevitabilmente gli equipaggi, direi che dovrebbe essere ancora una volta la “lunga” di Talla a decidere il rally, con i suoi difficili 36 km in notturna, a fine gara. A meno che qualcuno non riesca a “scappare” e a prendere un buon vantaggio, nelle otto speciali precedenti. Ma la davvero vedo molto dura, visto il livello altissimo dei piloti al via …”.

Condividi l’articolo