La Steels Motocross debutta nel mondiale di enduro estremo

La Steels Motocross inizia la nuova stagione tra i boschi, la neve e il buio. La scuderia castiglionese amplia infatti i propri orizzonti e, in seguito all’accordo stretto con il pilota James Trincucci, si prepara a debuttare nel mondiale di enduro estremo in occasione della tappa italiana dell’Hell’s Gate. Da sempre attiva nel tradizionale motocross, la Steels nutre l’ambizione di impegnarsi in sempre nuove discipline motociclistiche facendo correre con i propri colori i più promettenti centauri del panorama locale, dunque la collaborazione con Trincucci ha risposto proprio a questa esigenza. Classe 1992, aretino ma originario dell’isola di Man, questo pilota correrà nella gara di enduro estremo più impegnativa e più importante d’Italia che si disputerà sabato 6 febbraio nella colline lucchesi della tenuta del Ciocco, sfidando un centinaio di avversari provenienti da tutto il mondo. L’Hell’s Gate si svolge interamente tra fitti boschi e stretti sentieri, con i partecipanti che resteranno in sella alla loro moto per oltre sette ore e che dovranno mettere alla prova la loro resistenza e la loro tecnica su un percorso caratterizzato da tante difficoltà come gli ostacoli naturali, la neve e il buio. Questa tappa del mondiale si aprirà infatti alle 7.00 di mattina con le qualifiche, poi solo i migliori trenta piloti potranno partire il pomeriggio alle 16.00 per la vera e propria gara che terminerà a notte fonda proclamando il nome del miglior pilota. «L’enduro estremo è una delle più difficili discipline motociclistiche – spiega Trincucci, – dunque il principale obiettivo è di riuscire a terminare la gara. Al mondiale avrò l’occasione di mettermi alla prova sfidando i migliori piloti del mondo, dunque ringrazio la Steels per la fiducia riposta in me e per il supporto che quotidianamente mi fornisce per prepararmi al meglio a questa competizione».

La carriera motociclistica di Trincucci era iniziata nel trial con la vittoria di alcuni Campionati Italiani del Centro-Sud e di alcuni titoli toscani, poi il centauro aretino ha scelto di dedicarsi a discipline più impegnative e acrobatiche come l’enduro e il freestyle in cui, da questa stagione, rappresenterà la Steels. In attesa di presentare il team ufficiale dei piloti del motocross, dunque, i primissimi impegni del 2016 della scuderia saranno orientati ad un palcoscenico prestigioso e internazionale come quello dell’Hell’s Gate. «La Steels vuole essere presente sull’intero panorama motociclistico – spiega il presidente Andrea Botti. – Siamo nati con il rally nel deserto, ci siamo consolidati nel motocross e ora tenteremo l’avventura nell’enduro estremo e nel freestyle: l’obiettivo è di portare il nome di questa scuderia tutta aretina ai vertici internazionali».

Condividi l’articolo