Sicurezza e migranti, il Psi chiede un nuovo progetto politico

La città di Arezzo ha bisogno di un nuovo progetto politico capace di garantire risposte concrete alle problematiche legate alla sicurezza e all’accoglienza dei migranti. A sostenerlo è il Partito Socialista Italiano della Zona Aretina che, interrogandosi sulle possibili soluzioni, esprime l’esigenza di strutturare un piano integrato e lungimirante che non si limiti esclusivamente ad affrontare le emergenze del momento, ma che possa riportare serenità nei cittadini intervenendo in tutti i settori essenziali della loro vita (dalla salute alla casa, dai servizi al lavoro). Non è infatti solo il quartiere di Saione ad avvertire crescenti timori legati alla sicurezza, ma furti, degrado e altre problematiche sociali stanno riguardando anche altre zone cittadine, con le varie realtà politiche ed economiche che sembrano ben lontane dal trovare rimedi. Il Psi, inoltre, ritiene doveroso e condivide il recente forte richiamo da parte del sindaco a regole di etica civile e di correttezza nel comportamento individuale di tutti.

Condividi l’articolo