Decreto Banche, novità per i risparmiatori dal Senato

Novità positive per gli obbligazionisti colpiti dal decreto salva banche del 22 novembre 2015. Ci sarà un tempo maggiore per chiedere i rimborsi da parte dei possessori delle subordinate di Banca Etruria diventate carte straccia dopo la decisione del Governo. La commissione Finanze del Senato, che nei giorni scorsi aveva incontrato i vari comitati dei risparmiatori, ha accolto le proposte di modifica, presentate da un gruppo di senatori Pd. Nel documento è stata allargata la platea degli aventi diritto, allargandola ai coniugi more uxorio e ai parenti degli obbligazionisti fino al secondo grado che avessero ricevuto in eredità o a seguito di cessione i titoli del congiunto che erano stati comprati. Un’altra novità è la eliminazione del tetto dei 100mila euro investiti in titoli perchè il diritto di rimborso possa essere valutato. Infine le spese di istruttoria saranno a carico delle banche. Tra i proponenti anche la senatrice aretina Donella Mattesini.

Condividi l’articolo