Iniziano mercoledì i test sierologici distribuiti alle ASL

 

Da domani, mercoledì 8 aprile, i primi 91.889 del totale dei test sierologici (140.000) acquistati da Estar, l’Ente di supporto tecnico amministrativo regionale, che fa gli acquisti per tutta la Regione, saranno distribuiti alle aziende sanitarie, così come previsto dall’ordinanza del presidente Rossi dello scorso 3 aprile.

Si tratta di Test rapido immunocromatografico per la rilevazione qualitativa di anticorpi IgG e IgM del virus SARS-CoV-2 in campioni umani di sangue intero (anche da pungidito), siero o plasma.

Questa la distribuzione:

Enti del SSR                                n. kit

Asl Toscana Nord Ovest                      24.300

Asl Toscana Sud Est                            19.664

Asl Toscana Centro                             27.410

AOU Careggi                                        4.764

AOU Meyer                                          2.000

AOU Senese                                        4.000

AOU Pisana                                         7.500

Fondazione Monasterio                         701

ISPRO                                                     350

ESTAR                                                  1.200

Totale                                     91.889

Le consegne successive saranno effettuate a tutti i soggetti indicati dall’ordinanza del 3 aprile, che prevede di eseguire i test sierologici rapidi, in ragione del maggior rischio espositivo e della esigenza di tutela della salute pubblica, nonché dell’attuale disponibilità dei test, dando priorità a: operatori sanitari e soggetti operanti a vario titolo nelle Aziende ed Enti del SSR, operatori nelle strutture sanitarie private e di altri Enti nel territorio regionale; operatori e ospiti delle strutture socio-sanitarie e di accoglienza, con particolare riferimento alle RSA e RSD; personale del volontariato impegnato nella emergenza sanitaria e di protezione sociale in genere; farmacie; personale addetto agli Istituti penitenziaria, con particolare attenzione al personale sanitario; forze dell’ordine e vigili del fuoco; chiunque, in forma singola o associata, svolga un’attività lavorativa di assistenza o sostegno alla popolazione anziana e/o fragile.

Condividi l’articolo

Vedi anche: