ECCO PERCHE’ NUOVA BANCA ETRURIA VA SOSTENUTA

L’appello rivolto da rappresentanti delle istituzioni a favore di Nuova Banca Etruria ci appare del tutto appropriato, logico, necessario. E’ tempo ormai che dalle ceneri del vecchio e disastrato Istituto di credito aretino si  guardi con maggior fiducia al futuro. Certo, non sarà facile riporre fiducia su chi in passato ha letteralmente deluso le aspettative tanto da provocare  tantissimi  e dolorosi danni economici. E con una immagine di Arezzo andata  distrutta. 

Ma malgrado tutto ciò – su una vicenda così drammatica e a tinte fosche che mai potrà essere cancellata – occorrerà tuttavia pensare seriamente a tentare di ricostruire il futuro per Arezzo, per la sua economia che al di là delle vicende bancarie non vive di certo un facile momento.Ecco perchè occorrerà seriamente cercare di riconquistare spazi importanti che evitino di far sprofondare questa nostra realtà in una sorta di dormitorio, con conseguenze disastrose per tutti.

Innegabile che la nuova banca, uscita dalla scandalosa vicenda di Banca Etruria, nulla ha che vedere con il passato. E il tentativo ora dei nuovi dirigenti è proprio quello di far comprendere alla gente – compresi i vecchi azionisti e i possessori di obbligazioni subordinate rimasti “freagati” – che Nuova Banca Etruria è altra cosa, che è un Istituto sano e che cerca di riconquistare spazi importanti nel territorio, con l’obbiettivo – dichiarato – di ridare impulso all’economia e anche garantire i livelli occupazionali, molto importanti per Arezzo visto che parliamo di oltre 1500 addetti.

Cancellare il passato e impegnarsi per ricostruire il futuro. Ecco perchè, crediamo, occorrerà da parte di tutti uno sforzo ulteriore di fiducia. Per noi stessi e per il bene della città.

Condividi l’articolo