Si amplia l’offerta dell’Ordine degli infermieri

E’ davvero ricca l’offerta formativa che l’Ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo offre ai suoi iscritti da qui a fine anno. “Si tratta di un piano che metterà i colleghi in grado di scegliere tra argomenti di grande rilevanza e, in qualche caso, anche di grande attualità – spiega il Presidente dell’Ordine di Arezzo Giovanni Grasso. Un programma che è impreziosito anche da una giornata di convegno che avrà come tema i percorsi di emergenza e che avrà rilevanza nazionale. Possiamo già dire, viste le adesioni che abbiamo raccolto e il tutto esaurito registrato nei corsi in programma a settembre, che il gradimento da parte degli infermieri aretini alla nostra programmazione è di assoluto rilievo. Voglio quindi ringraziare i colleghi che compongono il gruppo formazione, la cui responsabile è Alessandra Tofani, e tutti i relatori che parteciperanno alla realizzazione dei corsi”, conclude Giovanni Grasso. Il piano formativo prevede due moduli dedicati a “Il corpo e la competenza emotiva”, entrambi nel mese di settembre, due edizioni del corso BLSD-IRC, tra settembre e novembre, il convegno sul percorso di emergenza e l’infermiere come anello di congiunzione portatore di competenze trasversali, in programma l’otto ottobre, un corso sul management di maxi emergenza e la gestione ospedaliera di un evento maggiore, che si svolgerà a ottobre, uno sulla pratica basata sull’evidenza (EBP) a novembre, due edizioni dedicate alla gestione del rischio e alla sicurezza nelle cure a novembre e dicembre, un corso sul ruolo dell’infermiere nella nutrizione artificiale in calendario a dicembre e infine il corso “Mi difendo e non offendo”: comportamenti e tecniche per riconoscere l’aggressore e le aggressioni, purtroppo di grande attualità per i molti episodi di violenza verbale e fisica nei confronti di operatori che si verificano nei pronto soccorso e nelle strutture sanitarie in genere. I corsi sono gratuiti per gli iscritti all’ordine e le iscrizioni si possono effettuare presso la sede di via Marco Perennio, la cui segreteria è a disposizione per ogni chiarimento.

Condividi l’articolo