Giostra: rincari biglietti tribuna fino a 100 euro, affacci a 150 euro

Nuovi prezzi per assistere alla Giostra del Saracino. Rincari in quasi tutti i settori (restano invariati i prezzi dei posti in piedi), fino ad arrivare a un prezzo massimo di 100 euro. Gli aumenti, si legge nella delibera dell’Istituzione, sono giustificati dal fatto che “per l’organizzazione della Giostra del Saracino è richiesto un impegno economico considerevole anche in ragione dei presidi di sicurezza adottati non solo per la manifestazione ma anche per le prove ufficiali e per la prova generale di ogni edizione”. Ed ecco il nuovo prezzario, a partire dall’edizione del 18 giugno prossimo. TRIBUNA A settore lato fontana da € 38,00 a € 40,00; settore centrale da € 50,00 a € 60,00; settore lato Buratto da € 45,00 a € 50,00; poltroncine lato fontana da € 50,00 a € 60,00; settore centrale da € 60,00 a € 70,00; settore “Lancia d’Oro” da € 80,00 a € 100,00. si da atto che in tribuna A restano a disposizione degli operatori dell’informazione circa 60 posti di tribuna stampa; TRIBUNA B primo settore da € 35,00 a € 50,00;secondo settore da € 35,00 a € 40,00;TRIBUNA C tutti i posti da € 25,00 a € 30,00.Riduzioni Tutti i prezzi si intendono per persona e interi. Le riduzioni sono stabilite in € 10,00 per ogni categoria tranne i posti in piedi e si applicano alle seguenti categorie: da 5 a 14 anni compiuti e oltre 70 anni di età. Per i bambini da 0 a 5 anni compiuti è stabilito ingresso libero purché in tribuna restino in braccio ad un adulto. POSTI IN PIEDI Restano invariati i prezzi dei posti in piedi tutti fissati ad € 6,00 per gli interi e ad € 4,00 per i ridotti. AFFACCI SOPRA AL LOGGIATO VASARIANO Tutti in vendita indistintamente ad € 150,00 per persona/finestra. I posti suddetti dovranno comunque tenere conto delle eventuali prescrizioni e riduzioni di capienza di Piazza Grande che potrebbero essere stabilite dalla Commissione Tecnica Provinciale di Vigilanza presso la Prefettura di Arezzo per ragioni di sicurezza, ordine pubblico e simili.

Condividi l’articolo