Tornano in vasca i bambini e i ragazzi della Chimera Nuoto

I bambini e i ragazzi della Chimera Nuoto tornano in vasca. Dalla prima settimana di febbraio ripartiranno tutti i corsi ospitati dal palazzetto del nuoto di Arezzo che, alimentati dall’obiettivo di promuovere la sicurezza in acqua e la pratica natatoria, coinvolgeranno tanti giovani atleti dai tre ai diciassette anni. La proposta didattica della scuola nuoto prevede un percorso che, partendo dai primi anni di vita nella vasca piccola, insegna prima a galleggiare e a muoversi in sicurezza, arrivando poi a nuotare nella vasca grande con piena padronanza dei quattro stili e con una motricità trasformata da terrestre ad acquatica. Il tutto con una didattica basata sulla pedagogia attiva che prevede l’apprendimento attraverso l’azione: l’allievo impara a nuotare non con spiegazioni teoriche ma con azioni pratiche, scoprendo i movimenti più funzionali per raggiungere un obiettivo.

La vera e propria scuola nuoto della Chimera Nuoto prende il via al raggiungimento dei tre anni del bambino quando per il giovane atleta si prospetta una doppia strada: frequentare i tradizionali corsi o stare insieme al genitore fino a sei anni con gli allenamenti del “Nuoto in famiglia”. Nella prima possibilità, il piccolo atleta viene lentamente accompagnato dall’istruttore fino a dove non tocca, diventa autonomo e acquisisce sicurezza, maturando confidenza nei confronti dell’acqua che diventa un ambiente familiare in cui star bene, divertirsi e non avere paura. Il “Nuoto in famiglia”, invece, dedica corsi a genitori e figli per imparare a nuotare insieme, con un clima affettivo che incentiva l’apprendimento e che fa del corso un’esperienza comune e condivisa. «In queste lezioni – spiega Marco Magara della Chimera Nuoto, – l’adulto è di fondamentale importanza perché è chiamato a svolgere un ruolo attivo: sarà di aiuto ai bambini, sarà di esempio e si metterà alla prova per migliorare, lezione dopo lezione, le proprie capacità natatorie».

Con i sette anni ha invece inizio la scuola nuoto per ragazzi che è animata anche dall’ulteriore ambizione di individuare atleti da lanciare nel settore agonistico: nelle lezioni settimanali vengono infatti gettate le basi del nuotatore, poi ogni allievo potrà decidere di compiere un ulteriore passo in avanti disputando le prime gare nel settore Propaganda. Coloro che, al contrario, non sono interessati alla pratica agonistica possono rimanere nella scuola nuoto per mantenersi in forma, per praticare una disciplina motoria o, più semplicemente, per integrare e completare la preparazione atletica di altri sport.

Condividi l’articolo