Per le Acli è indispensabile aprire a novembre il dormitorio

Il dormitorio rappresenta una risposta concreta alle sempre più numerose situazioni di bisogno che emergono ad Arezzo e, per questo motivo, la sua apertura deve essere anticipata già nel mese di novembre. A sostenerlo sono le Acli provinciali che, di fronte alla seconda morte per strada in poche settimane, ritengono necessario dotare la città di una struttura capace di fornire accoglienza e sostegno ai senzatetto per un periodo dell’anno che non si limiti solo ai mesi più freddi tra dicembre e aprile. I recenti fatti di cronaca hanno infatti sottolineato come l’urgenza sociale non si riduca a questo ristretto lasso di tempo e hanno fatto riflettere sulle problematiche abitative vissute da tante persone, evidenziando l’esigenza di strutturare strategie politiche adeguate.

Condividi l’articolo

Vedi anche: