Decreto Milleproroghe, Ghinelli a Roma

Decreto Milleproroghe, delegazione di sindaci a Montecitorio, Arezzo citato dal presidente dell’Anci Antonio De Caro come “caso di scuola” per aver già avviato i lavori e rendicontato delle spese. A sottolinearlo è il sindaco Alessandro Ghinelli che prosegue: “ho proposto di chiedere all’esecutivo il mantenimento dei finanziamenti stabiliti, ma solo per quei comuni che rispetteranno la data del 15 settembre già indicata dal segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la sua comunicazione del 7 agosto. Si tratterebbe di una assunzione di grande responsabilità da parte dei comuni, alla quale il Governo non può sottrarsi”. Ghinellifaceva parte della delegazione Anci guidata da Antonio De Caro arrivata a Roma per esporre le ragioni degli 87 Comuni capoluogo e delle 9 città metropolitane che rischiano di veder sfumare 1,6 miliardi di soldi pubblici loro destinati dal cosiddetto “Bando Periferie”. “Bloccare i fondi non è solo un danno per i comuni e per i cittadini che in quei comuni vivono” ha detto De Caro sottolinenando come per esempio ad Arezzo i lavori siano già partiti con tando di rendicontazione da parte del comune.

Condividi l’articolo