CrossFit Arezzo ha sfidato il mondo agli Open internazionali

CrossFit Arezzo termina le sue cinque settimane di sfida con il mondo. Nel giorno di Pasquetta si sono conclusi gli Open internazionali che, per la seconda stagione consecutiva, hanno visto nove aretini mettersi alla prova nella disciplina sportiva che combina fitness e pesistica, gareggiando contro 272.661 atleti di 13.000 palestre di tutti i continenti. La manifestazione, iniziata a febbraio e sviluppatasi per tutto il mese di marzo, ha proposto una sfida globale strutturata attraverso internet: ogni settimana la sede americana di CrossFit ha lanciato una serie di prove, denominate workout, con i risultati dei singoli atleti che sono stati registrati online e inseriti in un’unica classifica internazionale. La gara si è svolta anche all’interno della palestra di CrossFit Arezzo che, se agli Open 2015 era presente con tre soli atleti, in una sola stagione è riuscito a triplicare la propria squadra arrivando a nove rappresentanti: il tecnico Alessio Piccolo, Andrea Agnelli, Elisa Bennati, Riccardo Bindi, Pietro Chiarini, Davide Dell’Orletta, Federico Draghi, Eleonora Monnanni e Niccolò Simoncini. Particolarmente significativa è risultata la presenza di ben due ragazze che hanno permesso alla società aretina di debuttare agli Open con una componente femminile. Al termine della manifestazione, il gruppo non è riuscito ad ottenere i risultati per qualificarsi alla fase europea dei Regionals, ma ha potuto comunque trovare grandi soddisfazioni e trarre molte indicazioni positive sul lavoro svolto nell’ultimo anno. «Il nostro principale obiettivo – spiega Piccolo, – era di valutare la nostra preparazione a confronto con il resto del mondo nella manifestazione che maggiormente esalta la dimensione agonistica del CrossFit. In questo senso abbiamo ottenuto una doppia soddisfazione dall’alto numero di partecipanti di CrossFit Arezzo e dalle buone prestazioni ottenute che, nonostante non siano ancora sufficienti per accedere ai Regionals, hanno denotato una forte crescita e hanno testimoniato la bontà del lavoro svolto».

La gara ogni settimana ha presentato un programma imprevedibile e stimolante attraverso esercizi sempre diversi che, dal sollevamento pesi al corpo libero, hanno richiesto una preparazione fisica particolarmente completa. Oltre alla sfida su scala mondiale, gli Open sono stati l’occasione anche per un confronto con le realtà più vicine ad Arezzo, in primis CrossFit Casentino e CrossFit Città di Castello, affermando così la collaborazione e lo spirito d’amicizia che lega le tre società. Archiviato questo evento, l’attenzione è già orientata verso una nuova sfida: l’Italian Showdown di Milano, al via da venerdì 15 aprile, sarà la prima gara in trasferta della storia di CrossFit Arezzo.

Condividi l’articolo