Cercasi Movimento Cinque Stelle. Ad Arezzo che fine hanno fatto?

Se due indizi fanno una prova non c’è dubbio che le ripetute assenze dei consiglieri del Movimento Cinque Stelle dai banchi del consiglio ad Arezzo, iniziano ad essere un caso politico che non può più essere più sottaciuto. Il presidente Mattesini giustifica sempre gli assenti, tra questi Pasquale Macrì che organizza assemblee pre congressuali in casa Pd ma salta spesso quelle in Comune, ed in parte sappiamo che i due consiglieri eletti non sempre hanno la possibilità di presenziare perchè impossibilitati da impegni professionali. Se questo fosse l’unico motivo, il rimedio sarebbe semplice. E’ previsto l’istituto delle dimissioni, della serie se uno non può assolvere questo compito, ha la possibilità di lasciare lo spazio ad altri. Del resto i pentastellati sono un movimento orizzontale e sulla carta dovrebbero essere in grado di poter allargare il processo partecipativo a coloro che contribuiscono alle attività del movimento. C’è chi rileva che queste difficoltà si sono acuite da quando Di Maio è al Governo con la Lega, mentre altri rilevano che non sono idilliaci i rapporti tra i due consiglieri. Sta di fatto che avremmo voluto sapere l’opinione di consiglieri che rappresentano il 10% dell’elettorato ad Arezzo e che hanno la possibilità di esprimere il parere di un Movimento che ha rotto gli schemi della politica nazionale, su tematiche di rilievo ad iniziare dal bando Periferie che è stato differito dal Governo dopo il voto del parlamento. In pratica i 17 milioni che dovevano servire a riqualificare le periferie non arriveranno. Ghinelli ha fatto esercizio di equilibrismo per non rompere il rapporto con la Lega. Un suo assessore in Senato ha votato a favore del provvedimento, alla pari di tutti i partiti che non hanno ben compreso di cosa si stesse trattando. Tutti hanno detto la loro. Niente dal Movimento Cinque Stelle che a quanto pare avere esaurito in loco la sua spinta propulsiva. In attesa di essere smentito, la situazione, al momento è questa.

Condividi l’articolo