Monete rarissime sequestrate a Città di Castello

Tredici monete antiche, delle quali una rarissima, di epoca romana imperiale, attribuibile a Costantino II Cesare, coniata presso la zecca di Arelate (attuale Arles nella Provenza Camargue francese), risalente al IV secolo d.C., sono state sequestrate dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Perugia in un’abitazione di Città di Castello.

L’operazione rientra nell’attività di contrasto all’impossessamento e commercializzazione fraudolenta di opere d’arte.

I militari hanno sequestrato anche due metaldetector portatili, probabilmente utilizzati per la ricerca di manufatti antichi di metallo in aree agricole dell’Umbria, zone che custodiscono molti tesori nascosti nel sottosuolo. Una delle monete sequestrate è ritenuta rarissima poiché ne esistono solo cinque esemplari conosciuti al mondo. Una persona è stata denunciata per violazioni in materia di ricerche archeologiche e impossessamento illecito di beni culturali. Le indagini, coordinate dalla procura della Repubblica di Perugia, intendono accertare ulteriori responsabilità penali e ricercare ulteriori beni.

Condividi l’articolo