Il Gruppo Graziella presenta i futuri scenari di crescita

Una grande festa ha riunito per una notte l’intero universo di Graziella. Oltre trecentocinquanta ospiti si sono ritrovati nel tradizionale appuntamento che il gruppo aretino organizza ogni anno in occasione del compleanno di Graziella Buoncompagni, l’imprenditrice che nel 1958 ha avviato la propria attività orafa da un piccolo laboratorio di Campoluci. A distanza di cinquantasette anni, questa azienda artigianale è diventata una delle più grandi realtà economiche del territorio ed è tra i leader nel mercato internazionale dei prodotti di lusso, acquisendo una forza tale da poter investire in nuovi settori e costituirsi in holding. Accanto alla capostipite Graziella Luxury, nel corso degli anni sono nate Graziella Green Power (che si occupa della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili), Graziella Real Estate (edilizia sostenibile), Graziella Food&Relais (ospitalità) e Graziella Smart Technology (illuminazione e domotica), oltre alla Fondazione Graziella – Angelo Gori Onlus attiva in progetti di beneficenza.

La festa aziendale ha riunito tutto questo gruppo, dai dirigenti ai dipendenti arrivando fino ad amici come il cantante Pupo, e ha rappresentato un momento di convivialità e di condivisione organizzato per coinvolgere una grande famiglia fatta di persone che lavorano insieme. Nell’occasione, il presidente Gianni Gori ha salutato tutte le componenti della holding, tracciando un bilancio dell’ultimo anno e illustrando con ottimismo i nuovi scenari in vista del 2016. «Il nostro punto di forza – ha spiegato Gori, – è sempre stato rappresentato dalla capacità di individuare nuovi mercati in tutto il mondo, riuscendo così a consolidarci come leader indiscussi nel settore orafo in numerosi Paesi dell’Africa, del Medio Oriente e dell’ex Unione Sovietica. Molte di queste aree, purtroppo, hanno vissuto un 2015 difficile a causa di guerre e svalutazioni monetarie che, inevitabilmente, hanno inciso negativamente sull’economia. Questa situazione ha però rappresentato per Graziella un ulteriore stimolo per rinnovare le produzioni e per continuare a ricercare ulteriori scenari internazionali, tenendo viva la mission che le ha permesso di diventare una delle aziende orafe aretine con il maggior numero di dipendenti e attiva in svariati settori».

Tra questi spicca sicuramente quello delle energie rinnovabili di Graziella Green Power. L’azienda è tra i principali produttori italiani di energia solare e sta sviluppando l’eolico e le biomasse, ma il 2015 ha rappresentato un anno importante soprattutto per il settore geotermico perché lo scorso luglio il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato un progetto sperimentale che porterà alla realizzazione di una centrale geotermica, la prima in Italia, a completa compatibilità ambientale e con assoluta assenza di emissioni. «La Green Power – ha concluso Gori, – è un’azienda di cui andiamo fieri: da Arezzo stiamo rinnovando il panorama italiano delle energie rinnovabili ed ecocompatibili».

Condividi l’articolo