Arezzo Karate, il progetto per tornare ai vertici nazionali

L’Arezzo Karate si appresta ad archiviare la prima fase della sua annata sportiva. L’avvicinarsi dell’estate rappresenta per la società aretina il momento per tracciare un bilancio sull’attività svolta negli ultimi mesi e sulla crescita dei propri atleti. In questo senso, uno dei motivi di maggior soddisfazione è fornito dal rilancio del settore giovanile che è tornato a riunire circa quaranta piccoli atleti seguiti con particolare cura dai tecnici dell’Arezzo Karate con l’obiettivo di far sbocciare nuovi talenti. Il gruppo d’ingresso è costituito da una ventina di bambini e ragazzi tra i 6 e i 10 anni che stanno muovendo i primi passi nel karate guidati dalla competenza e dalla passione di Alessandro Balestrini, maestro VI dan che è stato a lungo allenatore della nazionale italiana di Kumite (Combattimento), centrando numerosi successi in Europa e nel mondo. I loro allenamenti sono caratterizzati da un’attività pre-agonistica e ludico-motoria orientata esclusivamente al divertimento, alla preparazione fisica e all’insegnamento dei valori dello sport, con la possibilità anche di misurarsi con coetanei di tutta la regione in piccole gare come i Karate Games. Un gradino sopra ci sono gli Esordienti che, allenati dal direttore dei Centri Tecnici Toscani Enrico Pelo, nel corso della stagione hanno mosso i loro primi passi nell’agonismo attraverso la partecipazione a veri e propri campionati. «Il vivaio è da sempre alla base dell’attività dell’Arezzo Karate – spiega Balestrini. – Nel corso degli anni, la nostra società si è contraddistinta per la capacità di far crescere atleti che sono arrivati a meritare una chiamata nella nazionale italiana, come Filippo Oretti o Ilaria Badalotti, e che ci hanno portato ben trenta titoli italiani. Siamo orgogliosi di aver dato nuova linfa al vivaio e di poter fare ora affidamento su tanti bambini che promettono un grande futuro per il karate aretino». A tener alto il nome dell’Arezzo Karate contribuisce invece un gruppo di dieci atleti che, dalla categoria Cadetti agli Assoluti, sta conquistando medaglie nelle più importanti manifestazioni nazionali e internazionali, con il risultato più prestigioso di questa stagione che è rappresentato dal bronzo colto da Badalotti all’Italian Junior Open. Insieme a Balestrini e a Pelo, infine, a completare lo staff tecnico dell’Arezzo Karate contribuiscono Michele Luttini, Irene Marrone e Marco Mencattini. «Questo fermento – conclude Balestrini, – ci permette di archiviare una prima parte di annata positiva e di guardare con ottimismo agli impegni del futuro».

Condividi l’articolo