Scontro auto – moto, muore motociclista

Madre lascia la figlia di poco più di un anno in auto, la bimba muore dopo essere rimasta ore nell’abitacolo riscaldato dal sole. Una tragedia difficile da commentare quella accaduta a Castelfranco di Sopra, centro valdarnese in provincia di Arezzo che fa comune insieme a Pian di Scò dopo un referendum che ha unito i due centri. La dinamica dell’accaduto è ancora tutta da chiarire nei contorni, stanno tentando di farlo i carabinieri della stazione locale che insieme ai colleghi della compagnia di San Giovanni Valdarno hanno sentito a lungo la madre Ilaria Naldini, 39 anni da compiere il primo agosto prossimo, segretaria generale del comune di Castelfranco Pian di Sco, residente a Terranuova con il marito. La coppia, che aveva solo la piccola Tatiana, proprio oggi avrebbe festeggiato i tre anni di matrimonio. Secondo una prima ricostruzione della tragedia Ilaria è uscita questa mattina da casa a Terranuova Bracciolini e come ogni giorno si sarebbe dovuta recare all’asilo nido della figlia per poi raggiungere il lavoro. Questa volta però qualcosa è andato storto e la 38enne si è dimenticata la bambina in auto. Entrata al lavoro, è uscita dal comune intorno alle 14,15 ed ha raggiunto la sua vecchia Ypsilon 10 grigia parcheggiata davanti alla sede comunale. Nel mettere la retromarcia per uscire si è resa conto della presenza della piccola. Dopo aver lanciato un urlo disperato, udito da alcuni passanti, la madre ha richiamato l’attenzione dei presenti che si sono prodigati per rianimare con il defibrillatore la piccina mentre qualcuno ha chiamato il 118. I soccorsi sono arrivati tempestivi, con l’ambulanza e l’attivazione del Pegaso, ma per Tatiana non c’era più niente da fare. Sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno accompagnato la donna in caserma in attesa del pm Andrea Claudiani che si occupa del caso e che è giunto in Valdarno verso le 17. Per la donna, assistita dal marito Adriano Rossi e legalmente dall’avvocato Andrea Frosali, potrebbe profilarsi l’accusa di omicidio colposo. Il corpo della bambina sarà sottoposto ad autopsia per capire l’esatte cause del decesso che potrebbero essere da attribuire ad un infarto provocato dal grande caldo. Ilaria Naldini viene descritta da chi la conosce come una madre «attenta e premurosa» e come «molto affidabile» sul lavoro. Un pò di tempo fa sulla sua pagina facebook, aveva pubblicato un articolo di un quotidiano dal titolo «Maternità e lavoro perché le donne non ce la fanno più».

Condividi l’articolo

Vedi anche: