No alla chiusura della Cotto Pratigliolmi. Voto in Regione

Due mozioni in aula per dire no alla chiusura di “Cotto Pratigliolmi”, azienda aretina nata nel 1961. Il Consiglio regionale ha approvato sia la mozione presentata da Irene Galletti (M5S), che quella diSerena Spinelli (Art1-Mdp) e Valentina Vadi (Pd).La mozione del Movimento 5 stelle sollecita la Giunta a muoversi a tutela dei 55 lavoratori a rischio licenziamento. L’azienda aretina è nata nel 1961 e oggi si trova sull’orlo della chiusura. “All’attaccamento all’impresa e allo spirito di sacrificio dimostrato dai lavoratori, testimoniato dai non facili trascorsi tra cassa integrazione e contratti di solidarietà – ha affermato Galletti – dobbiamo rispondere accompagnandoli in questo difficile percorso, con la Giunta regionale chiamata ad attivarsi in ogni sede opportuna”. La Cotto Pratigliolmi dovrà presentare entro lunedì un piano adatto a superare la crisi.Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’altra mozione, in merito all’annunciata chiusura dell’azienda “Cotto Pratigliolmi” nel comune di Castelfranco Pian di Scò (Arezzo) e al conseguente licenziamento dei 55 dipendenti.  L’atto, presentato dalle consigliere Serena Spinelli (Art.1-Mdp) e Valentina Vadi (Pd), impegna la Giunta regionale “a seguire con la massima attenzione la vicenda e ad attivare tutte le iniziative necessarie e tutti gli strumenti possibili ai fini di scongiurare la chiusura dell’azienda e il licenziamento dei lavoratori”, anche favorendo possibili sinergie e l’eventuale ingresso di nuovi investitori.L’azienda, da tempo in crisi per il calo delle commesse, secondo le consigliere “costituisce un patrimonio importante e potenzialmente in grado di stare sul mercato con una produzione di qualità”. “Dobbiamo ripensare a come rilanciare i prodotti di qualità – hanno affermato – e tutelare le produzioni di eccellenza”. Preoccupazione per l’azienda è stata espressa anche da Marco Casucci (Lega), che ha parlato di “punto di riferimento importante per il territorio”.

Condividi l’articolo

Vedi anche: