Vecchia BancaEtruria, spunta circolare interna per collocare le obbligazioni senza curarsi del profilo di rischio

“Obbligazioni da collocare ad un pubblico indistinto”, così una circolare interna della vecchia Banca Etruria che aveva per oggetto la vendita delle obbligazioni subordinate, informava il personale su chi sarebbero stati i destinatari dei titoli nel periodo dal 3 al 26 giugno 2013. Il documento adesso è nelle mani della Procura di Arezzo, dimostrerebbe che le obbligazioni sarebbero state vendute senza approfondire il profilo di rischio del contraente e che potrebbe contribuire a delineare l’ipotesi di reato di truffa.  Negli ultimi mesi in Procura sono arrivati circa 400 esposti: 50 fascicoli sono già stati vagliati anche dalla Guardia di Finanza. Secondo alcune indiscrezioni molti risparmiatori oltre a non essere stati correttamente informati, sarebbero stati fuorviati. 

Condividi l’articolo

Vedi anche: