681 denunce e due arresti, il bilancio dei controlli sulla circolazione delle persone ad Arezzo

Nel periodo 11-23 marzo sono stati 11461 i controlli espletati dalle Forze di Polizia, dalle Polizie Locali e dalla Polizia Provinciale nel territorio aretino. L’attività di controllo, finalizzata ad accertare le ragioni e le modalità che consentono gli spostamenti delle persone lascia trasparire un quadro non allarmante, tuttavia sottolinea la necessità di una presa di coscienza per ognuno dell’importanza del rispetto delle regole emanate dal Governo. In totale sono state 681 le denunce e 2 gli arresti.

E’ stata poi applicata la sanzione della chiusura di una esercizio commerciale per dieci giorni, in quanto il titolare non garantiva il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale tra i clienti e poneva in vendita beni diversi da quelli consentiti. Complessivamente sono 5764 gli esercizi commerciali controllati, 11 dei quali denunciati e 2 sanzionati amministrativamente.

Le forze di Polizia ricordano che le disposizioni introdotte con il D.P.C.M. del 22 marzo 2020 stabiliscono il divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un Comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Condividi l’articolo