Don Alessandro Bivignani trasferito ad Anghiari

“Ho trovato una comunità dal punto di vista umano molto ricca e vivace. Ci sono tantissime potenzialità che potranno essere sviluppate”. Così Don Alessandro Bivignani il parroco della Pieve di Chio ancora per un giorno. Domani, infatti, giorno in cui la Chiesa celebra il Corpus Domini, si svolgerà un incontro conviviale, proprio alla parrocchia della Pieve di Chio, per salutarlo. Si, perché Don Alessandro è stato nominato parroco di Anghiari e da lunedì prenderà “servizio” in Valtiberina. “A Castiglion Fiorentino ho notato un grande vivacità e collaborazione tra associazioni di volontariato e istituzioni” ha aggiunto Don Alessandro che alla domanda qual è il ricordo che si porterà sempre con Lei ? ha risposto “qui ho vissuto la prima esperienza da prete e prendendo in prestito un vecchio adagio ‘il primo amore non si scorda mai’ posso dire che Castiglion Fiorentino farà sempre parte di me, del mio bagaglio personale. Una sera durante una cena con un gruppo di giovani della parrocchia un giovane mi diede il ‘benvenuto’ mettendomi il fazzoletto del suo rione intorno al collo. Ebbene in quell’istante ho capito che far parte di un rione era come entrare in contatto con la gente, con il popolo, con i castiglionesi. Tanti aneddoti, quindi, hanno costellato la mia permanenza a Castiglion Fiorentino attraverso i quali ho saputo decifrare anche gli usi e costumi dei giovani come degli anziani”. Don Alessandro Bivignani è arrivato a Castiglion Fiorentino nel mese di novembre 2014 e fin da subito gli è stata assegnata la parrocchia della Pieve di Chio. Durante i suoi 5 anni castiglionesi ha anche intrapreso gli studi romani che stanno giungendo al termine.  “Don Alessandro ha saputo parlare la stessa lingua sia dei giovani che delle persone adulte riuscendo, in breve, ad animare la parrocchia trasformandola anche in un punto di riferimento per tutti. Un plauso quindi a Don Alessandro per la sua attività in terra castiglionese certo che rimarrà per sempre legato a Castiglioni” ha concluso il sindaco Mario Agnelli.

Condividi l’articolo