Martina Rossi, chiusura udienza fissata al 21 novembre

Acquisite dal Gup del Tribunale di Arezzo Piergiorgio Ponticelli le intercettazioni relative ad alcune telefonate fatte da una delle amiche che il 3 agosto 2011 si trovava a Palma di Maiorca insieme a Martina Rossi, la giovane studentessa genovese morta precipitando da un balcone del sesto piano. Durante l’udienza dal Gup, è stato stabilito anche un allungamento della stessa che non si concluderà il 4 ottobre ma il 21 novembre quando il Gup deciderà se rimandare a giudizio oppure no Alessandro Vanneschi e Luca Albertoni i due ventenni aretini che, secondo la ricostruzione del procuratore capo Roberto Rossi pm in aula, avrebbero tentato di usare violenza su Martina, la giovane avrebbe cercato di fuggire passando da un balcone all’altro e sarebbe precipitata. La richiesta di acquisire le intercettazioni dell’amica, accolta dal Gup, è arrivata dall’avvocato di uno dei due ragazzi Tiberio Baroni. Di particolare rilevanza, secondo le indiscrezioni, quella del 30 dicembre 2011 dove la ragazza riferirebbe ad un’altra amica di un presunto disagio psicologico di cui Martina avrebbe sofferto anche pochi giorni prima di partire per le Baleari.

Condividi l’articolo

Vedi anche: