Due arresti per droga, c’è anche un richiedente asilo

Un richiedente asilo nigeriano di 25 anni, con precedenti per spaccio di droga e un connazionale 33enne, pregiudicato per lesioni, minaccia e violenza sessuale sono stati arrestati nell’ambito dell’inasprimento dei controlli finalizzati a stroncare lo spaccio di droga. I poliziotti hanno recuperato droga che, una volta immessa sul mercato, avrebbe fruttato 40mila euro. Secondo quanto riferito dalla polizia i due nigeriani sono stati sorpresi in un’abitazione di via Isonzo ad Arezzo con ventuno involucri di sostanza stupefacente. Ciascun ovulo conteneva circa dieci grammi di eroina di buona qualità. Al momento dell’irruzione nell’appartamento da parte degli uomini della Squadra Mobile il 33enne aveva ancora tre ovuli in corpo ed è stato necessario un ricovero in ospedale e l’intervento dei sanitari per recuperare tutta la sostanza stupefacente. La droga sequestrata era da sottoporre ad un’ulteriore fase di taglio prima di essere immesso sul mercato aretino. I duecento grammi di sostanza, tagliati ulteriormente e rivenduti in dosi singole da 0,2 grammi, avrebbero permesso un confezionamento di circa 2000 dosi per un introito finale di 40.000 euro. In quella stessa abitazione sono state trovate due giovanissime nigeriane un 24enne e una 18enne sottoposte a perquisizione. Anche le due donne sono state trovate in possesso di stupefacente, circa 54 grammi di marijuana, e denunciate. L’arresto dei due nigeriani è stato convalidato dalla magistratura aretina.

Condividi l’articolo

Vedi anche: