Dopo Sanremo e Brian May, suona ad Arezzo la chitarra di Colombo

Uno tra i più importanti chitarristi italiani fa tappa ad Arezzo. La Scuola di Musica “Francesco Coradini” ha avviato il countdown che l’accompagnerà fino a sabato 9 aprile quando, presso i locali del Liceo Scientifico, avrà la possibilità di ospitare la lezione-concerto di Luca Colombo, un grande evento musicale che concentrerà sulla città l’attenzione di appassionati di chitarra da tutta Italia. L’appuntamento, in programma dalle 15.00 alle 19.00, sarà dedicato all’approfondimento di tutte le tecniche più attuali per esprimersi con la chitarra elettrica e si configurerà come il più importante evento organizzato in questo anno accademico dalla scuola aretina per arricchire l’offerta formativa del nuovo Dipartimento di Musica Moderna “Elio Marcantoni”. Primo chitarrista nell’orchestra del festival di Sanremo dal 2007 e musicista in numerose trasmissioni televisive (da Buona Domenica a X-Factor), il protagonista di questa clinic sarà un artista che, già docente al conservatorio di Parma, porterà per la prima volta la propria esperienza ad Arezzo dopo aver suonato al fianco di big mondiali come Brian May e Phil Collins, Robbie Williams e Jennifer Lopez, Eros Ramazzotti e Celentano. L’evento rappresenterà l’avvio della collaborazione tra Colombo e la Coradini, e si svilupperà attraverso quattro ore rivolte a coloro che vogliono approfondire la loro esperienza chitarristica e che sognano un futuro da musicista. «Mi rivolgerò a chi vuole approcciarsi alla chitarra in modo professionale – ha spiegato Colombo. – Molti giovani trascurano la teoria e il lavoro dietro al mestiere del musicista, dunque l’obiettivo è di andare oltre a quanto insegnato a livello accademico per fornire informazioni concrete frutto di lunghi anni di esperienza ad altissimo livello».

L’incontro prenderà il via approfondendo numerosi argomenti legati alla professione del chitarrista, con un percorso che partirà da nozioni più tecniche (come la progettazione del metodo di studio o l’utilizzo dell’effettistica della chitarra rock) per arrivare allo sviluppo dell’improvvisazione e alle problematiche legate al lavoro di turnista. A metà pomeriggio Colombo si esibirà in un breve concerto per fornire un saggio di quanto precedentemente insegnato, mentre a concludere l’evento sarà lo spazio lasciato alle domande dei presenti. «Sono felice di venire alla Coradini – ha aggiunto l’artista, – per una lezione aperta a tutti, sia ai chitarristi già esperti che a coloro alle prime armi: per tutti i presenti, sarà uno spunto per capire quello che è possibile ottenere alimentando la loro passione».

Condividi l’articolo