Furti, sforzo comune e concentrazione massima per stroncare il fenomeno

Tra tentativi di furto e furti reali anche delle più piccole cose, il bollettino sembra essere di guerra. La preoccupazione della gente è evidente soprattutto in virtù di un passaparola che crea spesso ancora più allarme. Ad essere colpita, nel periodo estivo ma anche in questo weekend, è stata soprattutto la zona compresa tra Tregozzano e la Chiassa alle porte di Arezzo dove, secondo quanto denunciato dalla popolazione e riportato dalla stampa, ci sono famiglie che di furti ne hanno subiti molti nel corso degli ultimi anni. Sabato in particolare si è registrato anche il tentativo di furto in una ditta orafa questa volta a Pescaiola, sventato dall’allarme mentre a Quarata qualche giorno prima erano spariti diversi chili d’argento da una ditta. Quello che tuttavia va capito che non sempre è semplice risolvere la situazione. Le pattuglie della polizia municipale per esempio sono in servizio fino all’una rientrando poi alle 7. Le altre forze dell’ordine si dividono in quadranti e i risultati degli ultimi giorni con la cattura per esempio di una banda specializzata in furti in supermercati dimostrano che il livello di attenzione è alto. Inutili dunque i proclami semplicistici e dallo spirito populista che oltre ad essere capziosi generano ancora maggior preoccupazione.  Le telecamere, quando si investe per montarle, funzionano magari per individuare eventuali responsabili o scoraggiarli e c’è anche chi per comprarle ha organizzato una festa ( è il caso della zona Catona peraltro bersagliata dai furti) ma da sole non bastano. A complicare il fatto è che il più delle volte, come è accaduto per la banda di rom presa dai carabinieri di Bibbiena, si tratta di pendolari del furto ( non è un caso che anche i banditi del clamoroso colpo alla Salp arrivavano dalla Puglia). Le misure servono tutte, le forze dell’ordine non devono distrarsi magari con questioni interne, lo sforzo comune può essere infatti l’unica soluzione per combattere una recrudescenza del fenomeno che a Natale può diventare eclatante.

Condividi l’articolo

Vedi anche: