Sgarbi tra Icastica e Piero

Blitz di Vittorio Sgarbi ad Arezzo. Nella tarda serata il noto critico ha raggiunto Arezzo per visitare Icastica. Non poteva mancare una visita alla Cappella Bacci che ancora una volta ha esaltato l’entusiasmo di Sgarbi. “Qua ci starebbe bene un’opera di Viola – ha detto al curatore di Icastica Migliorati – si integrerebbe been con il messaggio di Piero che è stato il primo Icastico dell’arte moderna”. Per settembre previsto un grande progetto che unisce le città d’arte del centro Italia che hanno denominatore comune Piero della Francesca. “Per ironia della sorte sono tutte amministrate dal centrodestra. Quando l’ha saputo Berlusconi è rimasto spiazzato”. All’appunta che Piero non fosse iscritto a Forza Italia, sgarbi ha prontamente ribattuto, con sguardo arguto…ma era di destra…”.

Un sobbalzo peril sindaco di Castiglion Fiorentino. Sgarbi gli ha detto in faccia che c’è un Piero nascosto nella città che amministra.

Condividi l’articolo

Vedi anche: