La notte delle stelle cadenti al planetario delle Foreste casentinesi

Anche quest’anno il planetario del Parco nazionale presso il centro visita di Stia dedica una serata divulgativa e osservativa al tradizionale appuntamento con le Perseidi, le “stelle cadenti” di San Lorenzo.
La denominazione esatta è in realtà “meteore”. Si tratta di minuscole particelle di polvere e detriti che entrano nell’atmosfera terrestre e si “incendiano” a causa del grande attrito. Quelle di maggiori dimensioni generano scie molto più luminose e spettacolari, denominate “bolidi”.

La possibilità di osservare un maggior numero di Perseidi si ha quando il radiante è più alto nel cielo, cosa che avviene nella seconda parte della notte: lo osserveremo quindi dapprima basso sull’orizzonte a nord-est, poi sempre più alto, fino all’alba. 

 

 

Condividi l’articolo