Ricettazione, truffa dello specchietto e droga, carabinieri in azione

I carabinieri di Montevarchi, ricevuta la denuncia di furto di un telefono cellulare da parte di una 60enne del posto, sono arrivati, attraverso una serie di accertamenti, ad individuare un 42enne di origine kosovara, residente in Valdarno che lo utilizzava. I militari hanno recuperato e restituito il cellulare alla legittima proprietaria e denunciato l’uomo per ricettazione.  

Truffa dello specchietto, denunciato 40enne di origine siciliana. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il 40enne, a bordo della sua autovettura, mentre percorreva regionale 69, all’altezza dell’abitato di Levanella nel comune di Montevarchi metteva in atto lo stratagemma del finto incidente con la rottura dello specchietto, pretendendo da un ultra settantenne della zona 360 euro per il presunto danno ricevuto. Il 70enne non è caduto nel tranello e ha allertato i carabinieri i quali, nonostante il truffatore si fosse già allontanato, sono riusciti a risalire alla sua identità denunciandolo per tentata truffa.

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Arezzo hanno arrestato un marocchino 40enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era colpito da un provvedimento restrittivo in carcere emesso dalla Procura della Repubblica di Arezzo e deve espiare la pena di un anno e dieci mesi di reclusione, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Condividi l’articolo

Vedi anche: