Inaugurazione piccola biblioteca a Castiglion Fibocchi

Sabato 16 novembre alle ore 15 sotto la pensilina della fermata dell’autobus davanti alle scuole di Castiglion Fibocchi, l’mministrazione comunale inaugurerà la Piccola Biblioteca Libera di Strada alla presenza delle associazioni del territorio e della cittadinanza tutta. L’Assessorato alla Cultura nel programma generale della biblioteca comunale ha lanciato una lettura libera e di scambio tra persone di tutte le età invitando a scambiare, regalare, leggere libri donati alla piccola casettina, realizzata e regalata da un dipendente comunale nel suo tempo libero, posta davanti al complesso scolastico Ugo Nofri ed in prossimità proprio della biblioteca. L’idea è quella di uno scambio libero e senza vincoli, per il semplice piacere di leggere e scambiare propri libri con libri di altri compaesani, magari lasciando una dedica od un pensiero per il lettore che verrà e che a sua volta ha lasciato anche la sua lettura del cuore a disposizione del paese. La cultura è nata per essere condivisa ed essere libera ed aperta. Dopo l’inaugurazione all’interno della biblioteca comunale ci sarà anche la presentazione del libro per bambini “Guida per picciOni viaggiatori” sulla storia naturale del Valdarno raccontata ai bambini, progeto editoriale di Itenera Certa e edito da Aska Edizioni. Al termine della presentazione verrà organizzato un laboratorio didattico e a fine lavori un “dolce saluto” per tutti i bambini che hanno partecipato con merenda offerta da Oxfam-Intercultura La Bottega del Mondo e con la collaborazione della Proloco territoriale. L’Amministrazione Ermini, visto anche il successo dei primi giorni di installazione della Piccola Biblioteca di Strada, è già al lavoro per collocare casettine per libri in altre parti del paese. La libertà della lettura e lo scambio libero di libri è una condivisione importante per tutte le età ed un messaggio fondamentale per l’educazione ed il rispetto dei libri accessibili a tutti come bene comune indispensabile per la cultura propria di ognuno di noi.

Condividi l’articolo