Operazione Fratellino, da Graziella un contributo alle adozioni a distanza

Operazione Fratellino, da Graziella un contributo alle adozioni a distanza

Un progetto di adozione a distanza per portare conforto, speranza e futuro ai bambini di alcuni dei Paesi più poveri del mondo. Tra gli interventi umanitari sostenuti nel 2019 dalla Fondazione Graziella – Angelo Gori rientra anche la missione internazionale Operazione Fratellino che, dal 2004, rappresenta una delle espressioni caritative della Comunità Magnificat nata a Perugia e presente oggi in varie nazioni. Questa associazione riunisce un gruppo di fedeli che condividono una comune vocazione laica verso la vita comunitaria, l’evangelizzazione e la promozione dei valori cristiani, con un impegno che trova espressione anche nell’aiuto alle situazioni di bisogno.

L’Operazione Fratellino, coordinata da Oreste Pesare, è nata dopo una missione in Romania in cui la Comunità Magnificat ha fatto esperienza di situazioni di estrema difficoltà e miseria, scegliendo così di avviare un progetto di carità orientato all’adozione a distanza di bambini di famiglie povere residenti a Bucarest. Questo ministero è stato sostenuto dalle offerte e dalle quote delle varie Fraternità, delle comunità, delle famiglie e dei simpatizzanti del Magnificat, permettendo di accompagnare oltre cento bambini alla maggior età attraverso un contributo alle spese di vita quotidiana e alle spese scolastiche. L’impegno è stato ampliato nel 2011 anche verso l’Uganda, il Pakistan e la Siria

Condividi l’articolo

Vedi anche: