Cotto Pratigliolmi, 54 lavoratori rischiano il posto di lavoro

I 54 lavoratori della Pratigliolmi di Faella sono in piazza del Comune  con il sindaco di Castelfranco Pian di Scò. L’azienda è una fornace che dal 1961 ad oggi ha lavorato il cotto per i pavimenti e per la cosiddetta “copertura romana”. Adesso la sua storia sembra essere arrivata all’epilogo.”Ci ha comunicato l’apertura della procedura di licenziamento per tutti i 54 addetti – annunciano i sindacati di categoria Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil. E’ ultimo atto di una lunga crisi che è iniziata l’estate dello scorso anno con la messa in liquidazione dell’azienda. Da allora si è avviata una lunga e difficile trattativa per la sua cessione ad una nuova proprietà. Abbiamo avuto incontri in Regione Toscana fin dal novembre scorso per tentare, insieme alle istituzioni, di individuare una soluzione che garantisse la continuità produttiva e quindi il lavoro a tutti gli addetti. Dalla Regione siamo passati al Ministero del lavoro dove il 16 gennaio abbiamo firmato un accordo per un anno di cassa integrazione speciale. Speravamo di aver creato le condizioni e i tempi per una possibile ripresa ma gli inizi del 2019 non sono stati, però, positivi. Prima abbiamo dovuto registrare il pignoramento del magazzino e il 15 marzo la Guardia di Finanza ha bloccato i conti correnti della società a fronte, così ci è stato comunicato, di mancati pagamenti dell’Iva”.

Condividi l’articolo