Polizia arresta ventenne della Guinea. Dormiva con tre dosi di eroina e otto stecche di hashish

Nell’ambito dell’attività investigativa svolta dal personale della Squadra Mobile con riferimento all’accoltellamento del cittadino marocchino avvenuto in data 26 settembre scorso, conclusosi poi lo scorso 28 settembre con l’arresto dell’aggressore ritrovato a Montevarchi, gli uomini della sezione antidroga, impegnati nel contrasto alle attività di spaccio sulla città di Arezzo, hanno fatto irruzione nell’appartamento in uso ad alcuni spacciatori sito in via Bernardino da Siena, ove è stato identificato un cittadino della Guinea con diverse dosi di hashish, marijuana ed eroina.L’uomo, di anni 20, in possesso di un permesso di soggiorno per richiesta asilo, dormiva nell’appartamento e di fianco al letto aveva ancora un coltello sporco di hashish con il quale aveva da poco tagliato la sostanza per spacciarla. Nell’appartamento che gli investigatori avevano attenzionato perché risultato essere stato in passato il domicilio della compagna dell’accoltellato, sono stati ritrovati e sequestrati anche gli indumenti di quest’ultimo ancora sporchi di sangue.In totale, sono stati trovati nella disponibilità del richiedente asilo otto stecche di hashish per un peso totale netto di quasi 100 grammi, avvolte ancora nel cellophan, tre dosi di eroina ed alcune dosi di marijuana.Le manette sono scattate immediatamente per lo straniero che è stato associato alla Casa Circondariale di Arezzo.

Condividi l’articolo

Vedi anche: