Case Leopoldine, si presenta il Piano di recupero

Sarà presentato oggi alle ore 18 presso il Centro Convegni Sant’Agostino (Cortona) il progetto Case Leopoldine, il piano di recupero di Bonifiche Ferraresi che vedrà il totale recupero e valorizzazione di 21 immobili di pregio situati nella Valdichiana.Presenti all’incontro il Ministro Maurizio Martina e il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, Federico Vecchioni, Amministratore delegato di BF S.pa, Francesca Basanieri e Mario Agnelli, rispettivamente Sindaco di Cortona e sindaco di Castiglion Fiorentino, Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana, Luca Severini Direttore Regionale ISP Toscana – Umbria, Vittorio Moscatelli, amministratore delegato IPI S.p.a, Alberto Antolini Amministratore Delegato di OCRIM e Paolo Tramonti, Amministratore Delegato di Bios Line.Il progetto è entrato nel vivo dopo l’approvazione, a fine dicembre 2017, da parte del Consiglio di Amministrazione di Bonifiche Ferraresi del conferimento di tutti gli immobili di pregio di proprietà di Bonifiche Ferraresi ubicati in Provincia di Arezzo a una società, di nuova costituzione, denominata Leopoldine S.p.a, che vede come unico azionista la società quotata BF S.p.a (azionista di riferimento della società agricola Bonifiche Ferraresi).“Attraverso la creazione di un soggetto societario distinto e dedicato dotato di specifiche capacità professionali sottolineiamo ancora una volta l’importanza e la serietà del nostro Progetto Toscana presentato qui lo scorso marzo – ha dichiarato Federico Vecchioni, amministratore delegato di BF spa, che ha proseguito – il progetto ha come obiettivo il totale recupero e la valorizzazione dell’intero patrimonio immobiliare della nostra società presente in Valdichiana, stabili di grandissimo valore sia architettonico sia paesaggistico. L’intervento porterà significative ricadute economiche, sociali e culturali per il territorio di riferimento sia in termini di mercato turistico sia di qualità di vita nell’area circostante per i residenti”.Il recupero delle Leopoldine, come previsto dal progetto, creerà un circuito di nuove strutture ricettive/residenziale pensate per i diversi target turistici tipici della Toscana, regione che da sempre vede il mix tra turismo culturale e turismo eno-gastronomico quale elemento vincente nel difficile e competitivo mercato del turismo su scala nazionale e internazionale. L’azionista BF Spa ha stipulato una partnership con IPI Spa, società italiana specializzata nella consulenza e nei servizi immobiliari, con l’obiettivo di dotare la società Leopoldine S.p.a di un adeguato supporto professionale fondamentale per l’implementazione del progetto.Compatibilmente con il rispetto delle tempistiche di approvazione dei diversi piani urbanistici, la società conta di avviare i primi cantieri nell’anno in corso.Contemporaneamente prosegue il recupero dell’intero complesso del Podere “I Granai” (S.S. n.38 Siena Bettolle, nei pressi del centro abitato Fratta Santa Caterina – Comune di Cortona). La leopoldina, che ha una superficie complessiva di circa 1500 metri quadrati, ospiterà il nuovo centro direzionale dell’azienda Bonifiche Ferraresi che oltre ai nuovi uffici e aree meeting, vedrà anche la realizzazione di un innovativo laboratorio di ricerca e lavorazione dedicato alle piante officinali di circa 330 metri quadrati. L’intervento prevede la ristrutturazione e il restauro conservativo dello stabile e qui di seguito trovate le principali attività in fase di realizzazione:la creazione al primo piano della casa colonica dei locali da destinare agli uffici dell’azienda e la creazione di una sala meeting; la realizzazione del nuovo polo di ricerca e lavorazione per le piante officinali;la creazione di uno spazio, delimitato da superfici vetrate, di accoglienza e degustazione dei prodotti dell’azienda, all’interno dell’originario porticato coperto a vela, che risulterà aperto verso l’esterno.Il completamento dei lavori per la nuova sede è previsto, da cronoprogramma, per il mese di marzo 2018.Attraverso il piano Toscana di Bonifiche Ferraresi per i suoi 1500 ettari in provincia di Arezzo, l’agroindustria è tornata al centro del sistema sociale ed economico del territorio aretino e rappresenterà, sempre di più, il perno attorno al quale realizzare nuovi progetti economici e culturali di grande impatto e valore sociale e le Leopoldine, riportate al loro antico splendore, saranno, come la storia vuole, la prova della ritrovata grandezza dell’agricoltura in Toscana.

Condividi l’articolo