Chiassa Superiore, Mineo e Rosadi medaglie di bronzo al valore militare

Salvarono duecento persone dalla fucilazione a Chiassa Superiore nel comune di Arezzo. Ora, come annunciato dalla Gazzzetta Ufficiale, per decreto presidenziale viene concessa loro la medaglia di bronzo al valor militare. Si tratta dei partigiani Giovan Battista Mineo e Giuseppe Rosadi, il primo nato a Santa Flavia (Palermo) il 27 marzo 1921 e il secondo a Capolona (Arezzo) il 19 marzo 1923. Per Mineo, tra le motivazioni del conferimento si legge: “costante esempio di dedizione alla causa e puro eroismo”. Per Rosadi: “nobile esempio di sentimento patriottico e di sprezzo del pericolo”. Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli ne ha dato notizia oggi alla stampa: “non è mai troppo tardi per i percorsi di verità e per celebrare chi ha salvato oltre 200 vite umane, grazie a un coraggio per troppo tempo dimenticato. Nella ricostruzione di questi fatti storici un contributo fondamentale va riconosciuto allo storico locale Santino Gallorini. I fatti risalgono al 26 giugno 1944 quando una banda autonoma di partigiani slavi, operante sulle montagne tra Arezzo e Anghiari, aveva fermato un’automobile e preso prigioniero il colonnello Maximilian von Gablenz, assieme al suo aiutante, un sergente maggiore. Il comando tedesco di Arezzo organizzò un immediato rastrellamento, che portò alla cattura di oltre 500 persone, che furono rinchiuse nella chiesa della Chiassa. Un ultimatum diramato nei paesi della zona concedeva 48 ore di tempo per la restituzione del colonnello, pena la fucilazione degli ostaggi. Mineo convinse i tedeschi a concedere una proroga e convinse gli slavi a farsi consegnare il colonnello von Gablenz e il suo aiutante. Mineo arrivò a Chiassa Superiore quando i primi ostaggi venivano portati fuori della chiesa per dare inizio alle fucilazioni insieme a Rosadi. Von Gablenz ordinò che fossero liberati tutti gli ostaggi. Le campane della chiesa della Chiassa iniziarono a suonare a festa, mentre veniva restituita la libertà a oltre 200 civili.

Condividi l’articolo