Katia uccisa da un uomo. Isolato il Dna

Quella che era una pista adesso è una certezza. Katia Dell’Omarino, la ragazza di 40 anni, trovata senza vita  nella notte tra l’11 e 12 luglio sull’argine del torrente Afra a Sansepolcro, è stata uccisa da un uomo. Il Dna che è stato rintracciato nel corso dell’autopsia conferma che si tratta di un uomo con cui aveva fatto sesso prima di essere ammazzata a seguito di una lite furibonda. La ragazza prima è stata picchiata poi colpita alla testa con un oggetto non acuminato, probabilmente un martello tondo. I riscontri scientifici della genetista hanno portato a questa traccia importantissima per il nucleo investigativo dei carabinieri. “Ignoto” ha lasciato una traccia con il suo dna.

Condividi l’articolo