Officine della Cultura a Scrittorincittà di Cuneo

Fine settimana in trasferta per Officine della Cultura che sarà tra gli ospiti del Festival Scrittorincittà di Cuneo con le sue produzioni tra musica e teatro.

A rappresentare la nota cooperativa aretina nella “Ricreazione” del principale festival autunnale della città di Cuneo, giunto quest’anno alla XVIII edizione con un numero di eventi, 182, da far girare la testa e ospiti tra i quali Roberto Vecchioni, Giuseppe Cederna, Simonetta Agnello Hornby e Benedetta Parodi, per citare solo alcuni tra i 192 nomi presentati dal Festival, saranno Luca “Roccia” Baldini e Gianni Micheli, soci e artisti attivi nell’ideazione, progettazione e realizzazione degli eventi teatrali della cooperativa.

Il duo avrà modo di esibirsi in due occasioni e spazi affatto diversi. Sabato 19, alle ore 17:30, presso i nuovi spazi dell’Open Baladin nell’aperitivo musicale dal titolo “Ricreare la terra di Saffo”, originale recital dedicato all’immortale poetessa di Lesbo, e insieme ai valori della libertà e dell’uguaglianza. Un pomeriggio all’insegna dell’amore unito alla passione umana e civile di alcuni noti cantautori italiani, riletti dal duo in una chiave autentica con una scelta timbrica del tutto particolare animati in un ambiente dall’atmosfera suggestiva, i rinnovati spazi della birreria Baladin.

Domenica 20 novembre saranno invece i più piccoli tra gli spettatori del Festival ad essere coinvolti dalla cooperativa aretina con lo spettacolo “L’Orchestra Fatata di Maestro Clarinetto”, favola dedicata alla musica e alla crescita scritta, interpretata e musicata dal vivo dall’eclettico Gianni Micheli. Appuntamento per le famiglie alle ore 18 presso la Sala Robinson del Centro Incontri della Provincia di Cuneo.

Scrittorincittà, a Cuneo dal 16 al 21 novembre, è un’iniziativa del Comune di Cuneo, in collaborazione con la Provincia di Cuneo e con la Regione Piemonte. Ulteriori informazioni sulle date e sui nomi del Festival, per chi si trovasse in zona, all’indirizzo www.scrittorincitta.it.

Condividi l’articolo