La polizia lo arresta, spacciatore se la cava con la firma

La polizia lo arresta e il giudice lo rimette in libertà con l’obbligo della firma. E’ andata bene ad un 30enne aretino colto sul fatto stanotte in un parco cittadino. L’uomo era pedinato da tempo dalla Mobile che per l’occasione si è avvalsa della collaborazione degli agenti della Municipale. Subito arresttao è stato processato per direttissima. L’uomo era incensurato e se l’è cavata con l’obbligo della firma. Giusto chiedersi se vale la pena fare operazioni di questo tipo. (nella foto il responsabile della Mobile aretina Schettino).

Condividi l’articolo