Treni bollenti, lettera dei pendolari a Ceccarelli

Una protesta su Facebook e una lunga lettera all’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli perchè vegano fatte sengnalazioni e relativi interventi sulle carrozze bollenti. Così il Comitato Pendolari Valdarno Direttissima si sta organizzando in vista della presenza per una decina di gironi dell’anticiclone africano “Flegetonte” che poterà temperature elevatissime in Toscana. Il Comitato chiede alla Regione di attivare gli ispettori per i controlli nelle carrozze sul funzionamento dei condizionatori d’aria, che Trenitalia è obbligata a garantire dal 15 giugno come da contratto di servizio. Per avere i risultati più efficaci, il portavoce del comitato pendolari, Maurizio Da Re, chiede di far svolgere i controlli degli ispettori nelle ore più critiche e calde, dalle ore 15 alle 20, sui treni a maggiore frequentazione dei pendolari, compresi i Firenze-Foligno (attivando così l’accordo con la competente Regione Umbria), e già in viaggio da almeno 5 minuti e non ancora in partenza o fermi in stazione S.M.Novella, quando i condizionatori sono forse attivati ma non è verificabile l’effettivo funzionamento. Il Comitato chiede infine la pubblicazione in rete dei risultati dei controlli. Contemporaneamente alla lettera alla Regione il Comitato pendolari ha creato un evento Facebook di protesta, “Treni bollenti con Flegetonte e Trenitalia”, invitando i pendolari a segnalare carrozze bollenti e a inviare reclami alla Regione, perchè intervenga con controlli e sanzioni.

Condividi l’articolo

Vedi anche: