Giorgio Sorial (M5Stelle) su tavolo Bekaert

Prosegue il tavolo tra governo e azienda Bekaert per monitorare  gli sviluppi sulle attività che sta portando avanti l’advisor per la reindustrializzazione del sito di Figline Valdarno. Sono state presentate per la prima volta in maniera più delineata le ipotesi di reindustrializzazione da parte dell’advisor incaricato, la Sernet SpA, cha ha esposto un dettagliato piano di aggiornamento sia del lavoro di contatto e ricerca dei potenziali interessati alla realizzazione di un piano di reindustrializzazione, sia del lavoro fatto per la ricollocazione delle risorse. Dal lavoro di ricerca, contatto e valutazione dei soggetti interessati emergono elementi positivi anche grazie alla collaborazione avviata, attraverso l’intermediazione del MISE, con la task force di attrazione degli investimenti di ICE-ITA. Lo scounting internazionale che è stato fatto ha generato la valutazione della documentazione da parte di 10 aziende, di cui 5 manifestazioni di interesse ed 1 manifestazione rilevante. Sono soddisfatto, dice Giorgio Sorial del Movimento 5 Stelle,  di come  il governo stia portando avanti questo lavoro con l’obiettivo principale che è il mantenimento dell’attività produttiva e confermo le interlocuzioni istituzionali di alto livello con la Bielorussia per verificare l’interesse della BMZ al sito di Figline Valdarno. Il governo si è anche attivato  per creare una sinergia con ICE per fare scounting nei paesi ove ICE è presente con i desk. Continueremo il costante monitoraggio che stiamo svolgendo, che si pone come obiettivo il raggiungimento di una continuità produttiva e occupazionale del sito.C’è però un altro grande risultato, infatti grazie alla circolare del 27 marzo 2019 n.5 della Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione del Ministero del Lavoro che consente l’accesso al trattamento CIGS per crisi per cessazione alle imprese appaltatrici di servizi di mensa o pulizia, altre 11 famiglie della Bekaert avranno accesso a questa forma di tutela.

Condividi l’articolo