Proroga Nuove Acque: La Lega Nord dice di No!

“Con molto rammarico e dispiacere, soprattutto per i cittadini che rappresentiamo siamo oggi, ancora una volta, a discutere di una volontà e di una decisione politica, riconducibile ad un partito in particolare, il PD, che non va nell’interesse dei cittadini.”Così il segretario comunale della Lega Nord di Arezzo commenta la decisione a favore della proroga del servizio idrico a Nuove Acque per altri 3 anni, fino al 2027, votata ieri nella conferenza territoriale. “Già lo avevamo dichiarato prima della votazione, fermamente contrari alla possibilità di proroga del servizio a Nuove Acque, oggi lo ribadiamo, il servizio non andava prorogato e chi ha votato a favore di questo se ne dovrà assumere le responsabilità, sia morali che politiche, nei confronti dei cittadini. Possiamo ricondurre questa votazione favorevole, come anticipato precedentemente, a perlopiù sindaci del PD, questi sindaci, che evidentemente non hanno come priorità la tutela dei cittadini che rappresentano, hanno con il loro voto favorevole, avvalorato la loro idea che Nuove Acque sia il miglior gestore e che i cittadini aretini siano onorati di averlo in capo. Forse si sono dimenticati che abbiamo il servizio tra i più cari d’Italia e continua a distribuire utili a società che non hanno nulla a che fare con il nostro territorio. Un’altro deplorevole fatto, sicuramente, è stato quello della mancata sospensione della proroga, così come proposta dal rappresentante del comune di Arezzo, sempre i soliti sindaci legati al partito democratico hanno deciso di non approvare la sospensiva e passare direttamente alla votazione della proroga del servizio, senza nemmeno passare dai rispettivi consigli comunali, prassi che sarebbe stata molto giusta e assolutamente rispettosa nei confronti di un organo che ha dato il mandato per l’assegnazione del servizio a Nuove Acque. Concludendo, ribadiamo che la Lega Nord Toscana farà di tutto per contrastare la scelta fatta dal PD e dalla sinistra, perché possa finalmente diventare un servizio pubblico che agisce per il bene dei cittadini e non per qualche società straniera o soggetto privato.”

Condividi l’articolo

Vedi anche: