Il Centro Taekwondo Arezzo vince il suo primo titolo italiano

Il Centro Taekwondo Arezzo conquista il suo primo titolo italiano. La società aretina ha partecipato a Roma ai campionati nazionali del “Kim&Liù” e, nella più importante manifestazione tricolore giovanile, ha dato spettacolo vincendo un oro, un argento e un bronzo. Nella capitale hanno combattuto nove promettenti atleti che, guidati dai tecnici Andrea Rescigno e Alessandro Morciano, hanno mostrato i progressi di lunghi mesi di allenamenti, riuscendo a piazzarsi tra i migliori del panorama italiano. Le prime a combattere sono state le ragazze della categoria Cadetti B che hanno messo a segno una bella doppietta aggiudicandosi due allori. Il risultato più prestigioso porta la firma di Allegra Ginestroni che, nei -57 kg, ha dimostrato carisma e talento nel vincere agevolmente la finalissima e nel laurearsi così campionessa italiana: dopo l’argento conquistato nel 2014 da Andrea Barbagli, questa medaglia rappresenta il traguardo più alto della storia del Centro Taekwondo Arezzo. L’oro di Ginestroni è stato impreziosito dall’argento tricolore di Alessia Conti che, nella finale dei -41 kg, ha accusato la maggior esperienza dell’avversaria. Il gruppo maschile, orfano dell’infortunato capitano Barbagli, ha invece trovato gloria con Mattia Martini nei -23 kg degli Esordienti B: il talentuoso atleta è stato protagonista di una bella cavalcata in cui è arrivato fino alla semifinale dove ha perso contro il futuro campione d’Italia, meritando comunque gli applausi dei presenti e una bella medaglia di bronzo. Il bottino del Centro Taekwondo Arezzo poteva essere ancor più ricco, ma la rincorsa al titolo di Emanuele Zampella nei -29 kg è stata interrotta nei quarti di finale da un’errata decisione arbitrale. L’aretino stava infatti dominando il proprio incontro con intelligenza e con talento quando i giudici hanno valutato in modo sbagliato un calcio all’avversario e lo hanno squalificato. Particolarmente positiva è stata anche la prova nei -20 kg di Francesco Nofri che al “Kim&Liù” ha disputato il suo primo combattimento ufficiale e che, prima di perdere, pareggiava il proprio incontro fino a pochi secondi dalla fine, mentre a concludere la squadra aretina presente a Roma c’erano anche Davide Conti nei -26 kg, Lorenzo Franchi nei -23 kg e Francesco Zampella nei -23 kg. «In un anno di attività abbiamo triplicato le nostre medaglie tricolori – afferma con orgoglio Rescigno, – cogliendo i frutti di lunghi e faticosi mesi di allenamento in palestra. Siamo amareggiati perché Zampella meritava il podio, ma il titolo italiano di Ginestroni, l’argento di Conti e il bronzo di Martini rappresentano una splendida base che ci permette di ambire ad un futuro di successi consapevoli della bontà del percorso intrapreso dal Centro Taekwondo Arezzo».

Condividi l’articolo