Badanti accusati di aver maltrattato anziana rimessi in libertà

Badanti accusati di maltrattamenti su anziana, il Tribunale del Riesame di Firenze revoca l’ordinanza di custodia cautelare in carcere applicata dal Gip del Tribunale di Arezzo Piergiorgio Ponticelli su richiesta del pm Laura Taddei. Ai due badanti, un 54enne e una 41enne originari dello Sri Lanka, polizia e carabinieri erano arrivati dopo una segnalazione e una serie di riprese. I due erano stati prima colpiti da un provvedimento di allontanamento nel novembre 2016 poi arrestati. “Le intercettazioni ambientali poste alla base del provvedimento di allontanamento, mai contestato – sottolinea l’avvocato Andrea Santini che li rappresenta legalmente – evidenziano solo un episodio di  percosse e di minaccia. Per il resto tutto il materiale raccolto è puramente indiziario e non evidenzia in maniera stringente alcuna responsabilità ulteriore. Pertanto se da un lato si giustifica l’allontanamento e la cessazione del rapporto di assistenza, non vi sono mai stati i presupposti per l’irrogazione della misura della custodia cautelare in carcere. I badanti si sono dichiarati pentiti del loro gesto e pronti a risponderne. Non sono invece disposti a divenire il capro espiatorio unico di più ampie e complesse responsabilità, che si spera possano essere oggetto di accurata indagine”

Condividi l’articolo